RecensioniTOP

CGCReviews – El Shaddai: Ascension of the Metatron

Dopo 10 anni, il titolo è ora disponibile su PC.

El Shaddai: Ascension of the Metatron

El Shaddai: Ascension of the Metatron, sviluppato e pubblicato da Crim, è ora disponibile su PC (Steam) dopo ben 10 anni dal rilascio originario. Uscito originariamente nel 2011 per PS3 e Xbox 360, è sicuramente uno dei titoli più particolari di quell’era.

El Shaddai: Ascension of the Metatron è diverso da qualsiasi altro gioco a cui abbia mai giocato, tranne in alcuni momenti particolari. Variando avanti e indietro tra selvaggiamente inventivo e incredibilmente stereotipato, questo è un gioco difficile e richiede parecchio uso della nostra testa. Vale la pena giocare per momenti di vera bellezza, ma farlo su PC presenta alcune sfide.

Adattando “Il Libro di Enoch”, un antico manoscritto religioso ebraico che la maggior parte delle sette religiose non considera canonico alla Bibbia, El Shaddai ci mette nei panni di Enoch stesso. Il bisnonno di Noè, Enoch, è incaricato da Dio di cercare sette angeli caduti che vivono sulla Terra tra gli umani. Ha bisogno di purificarli per impedire che il mondo venga inondato.

CGCReviews - El Shaddai: Ascension of the Metatron 1

Ho detto che El Shaddai è pazzo? Perché El Shaddai è un gioco pazzesco. Nonostante si tratti di tecnicamente un’ambientazione ed era molto antica, ciò non è vero in tutto ciò che ci circonda. La nostra principale forma di assistenza si presenta sotto forma di Lucifel, il Lucifero pre-caduta, che funge da principale comunicazione con Dio. Parla anche al cellulare, offre una moto e indossa una giacca di pelle. Perché? Apparentemente può viaggiare nel tempo.

La storia di El Shaddai è per lo più un’assurdità, ma una di quelle davvero divertenti. Il tono è incredibilmente sopra le righe, e il tutto è più che un po’ caldo e infastidito. Non è presente una HUD nel gioco, almeno durante la prima partita, e potremo capire quanta salute noi e i nostri avversari avremo in base all’armatura che si danneggia man mano che si subiscono danni. Quando rimangono solo le mutande, beh, ovviamente la vita è quasi finita. Ma non preoccupatevi, se staremo per morire in battaglia, premendo rapidamente RB, LB, A e X sul controller (si, può essere giocato solo tramite controller) in un tempo prefissato che aumenta ad ogni morte, potremo tornare in vita con quasi tutta l’armatura indosso.

Il più grande punto di forza di El Shaddai è la sua presentazione. Ciascuno dei suoi undici livelli ha un’atmosfera completamente diversa e sono quasi tutti sorprendenti da guardare. Seppur visivamente sono incantevoli, ciò non si può dire per la qualità tecnica. Non era eccezionale già nel 2011, figuriamoci nel 2021. Eppure, nonostante la sua grafica datata, rimane pur sempre uno spettacolo per gli occhi a causa dello stile in continua evoluzione che non è per niente invecchiato male.

CGCReviews - El Shaddai: Ascension of the Metatron 2

Un livello sembra che siamo all’interno di una sorta di fuoco d’artificio vivente. Un altro ci mette in sezioni platform 2D che sembrano uscite da un metroidvania. E sembrerà impossibile, ma anche i livelli subacquei non sono per niente fastidiosi. Anche all’interno dei livelli le cose spesso cambiano. L’unica ambientazione che è leggermente un pugno nell’occhio è una città futuristica. Anche la colonna sonora è gloriosa, elevando ulteriormente le incredibili viste del gioco.

Tuttavia, nonostante tutti i rischi che il team di sviluppo ha corso con lo stile e la storia di El Shaddai: Ascension of the Metatron, hanno giocato in modo incredibilmente sicuro dal punto di vista del gameplay. In realtà, giocare a El Shaddai è per lo più un gioco d’azione incredibilmente generico della sua epoca, niente più e niente meno. Il combattimento è costruito attorno a tre armi. Innanzitutto, avremo il nostro arch, una lama a forma di arco che può anche aiutarci a fluttuare nell’aria. C’è anche il veil, un paio di guanti a corto raggio che si combinano in un potente scudo. Poi avremo la gale, un’arma a lungo raggio che spara frammenti rigeneranti. I tre operano su una sorta di sistema sasso-carta-forbici, ognuno con un punto debole rispetto all’altro.

Il flusso del combattimento ci fa cambiare costantemente tra queste armi. I nemici usano lo stesso set di armi e quando verranno abbattuti, potremo rubare le loro armi. Questo ci darà l’invincibilità per un momento e li disarmerà, rendendoli molto più facili da uccidere. Seppur è necessario cambiare arma nella maggior parte delle battaglie, alcuni combattimenti potrebbero essere più facili se restiamo con una fissa. Restare con un’arma troppo a lungo porta anche alla sua corruzione. Potremo purificarla, ma saremo vulnerabili durante l’animazione.

CGCReviews - El Shaddai: Ascension of the Metatron 3

Il combattimento è quindi ok seppure un po’ ripetitivo alla lunga. Ognuna delle armi ha il suo ritmo, ma nessuna è davvero eccezionale. Ci sono alcune sezioni platform 3D pazze con layout davvero fantasiosi, ma il nostro personaggio un po’ fluttuante e gli angoli fissi della telecamera possono rendere difficile valutare i alcuni salti. Per fortuna il gioco è piuttosto generoso nel farci rivivere, fornendo anche una spiegazione nella tradizione. Le sezioni platform 2D sono meglio progettate ed entusiasmanti, anche se raramente forniscono molte sfide.

La ragione principale per cui El Shaddai: Ascension of the Metatron è divertente da giocare si riduce alla varietà al di fuori del combattimento. Quasi ogni livello ci dona qualcosa di nuovo e, sebbene molti siano piuttosto semplici, aiuta a rompere il design piuttosto semplice e impedisce che diventi troppo ripetitivo.

La transizione al PC non è sempre un processo agevole, ma personalmente non ho riscontrato nessun problema con una versione pre-lancio.

Inoltre, l’intera interfaccia grafica sembra molto 2011, come se fosse già previsto un porting a quei tempi. Non è un grosso problema in se, ma rende alcune opzioni difficili da accedere e non funziona bene con Steam Link. Forse è solo un po’ di pigrizia.


9

Voto CGC

Recensione El Shaddai: Ascension of the Metatron

El Shaddai: Ascension of the Metatron è un titolo che almeno una volta vanno giocati, soprattutto data la sua dissomiglianza da qualsiasi altro gioco, anche ignorando il gameplay non sempre perfetto.

Davide Fanelli

Davide Fanelli nasce nel 1996 e inzia a giocare già dalla tenera età di 2 anni con un GameBoy e Tetris. Alla vista della PlayStation cominciò a nascere la sua passione per i videogiochi che dura ancora tutt'oggi.

ARTICOLI CORRELATI

Back to top button
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: