RecensioniTOP

CGCReviews: Glyph

Un particolare indie platform.

Glyph

Glyph, titolo indie platform sviluppato e pubblicato da Bolverk Games, è già disponibile su Switch e PC (Steam).

È facile guardare i livelli di Glyph e la sua palla meccanica e supporre che si tratti di una Super Monkey Ball. Tuttavia, nonostante inizieremo con un roll, scopriremo rapidamente quanto tempo si passerà lontani dal terreno in questa affascinante avventura rompicapo, anche se la sua presentazione è un po’ austera.

Ambientato in un deserto arido, interpreteremo lo scarabeo meccanico Glyph che si risveglia con lo scopo pratico di ripristinare un’antica città tempio. Questo viene fatto poco a poco mentre ci avventuriamo attraverso vari livelli e raccoglieremo oggetti che sbloccheranno e ripristineranno la città simile ad un hub mentre ci si avvicina alla fonte della sua corruzione.

CGCReviews: Glyph 1

Prima di iniziare l’avventura, ci viene dato un corso intensivo sui controlli. Rotolare a casaccio non aiuterà poiché i livelli sono in gran parte circondati da sabbia che è mortale al tatto. Glyph potrà anche saltare, rimbalzare, arrampicarsi e aprire le ali per planare brevemente, alla fine siamo uno scarabeo. Come molti altri platform 3D tendono a soffrire, il salto di Glyph non è dei migliori essendo molto a “bassa gravità”, il cui non va a migliorarsi nemmeno con l’opzione di rilascio rapido, anche se quando si è a corto di superfici sicure, potremo occasionalmente apprezzare il tempo in aria extra.

Rimbalzare sulle superfici è probabilmente una delle abilità più cruciali del gioco in quanto è simile all’atterraggio su una nuova piattaforma, almeno per un personaggio senza gambe. Significa ancora che potremo saltare di nuovo e continuare a muoverci lungo l’ambiente senza perdere slancio, che è esattamente il modo in cui si riesce a farsi strada rimbalzando su muri e pilastri, anche se i pilastri sottili sono a cui prestare maggiore attenzione per timore che i controlli o il posizionamento della telecamera ci faccia scivolare inconsapevolmente. Anche quando non ci sono superfici verticali nelle vicinanze, potremo raggiungere nuove altezze semplicemente rimbalzando da terra e poi aprendo le ali per spingerci ulteriormente verso un oggetto altrimenti irraggiungibile o un’altra piattaforma.

Sperimentare e sfruttare al meglio il rimbalzo e il platform è fondamentale per esplorare ciascuno degli oltre 80 livelli in Glyph, a cui è possibile accedere in modo non lineare simile ad un Super Mario 64. La differenza si trova nel tipo di oggetti da collezione che giocano una parte importante nel progresso. Ogni livello tecnicamente ci chiederà solo di raccogliere un determinato numero di chiavi per aprire un portale. Tuttavia, non dovremo correre verso l’uscita poiché ciò di cui avremo effettivamente bisogno per aprire questo hub sono gli oggetti da collezione posizionati attorno a ciascun livello.

CGCReviews: Glyph 2

Le abbondanti monete attivano portali verso nuovi livelli, ma per aprire più hub è necessario raccogliere gemme rosa, che sono leggermente più rare. L’unica eccezione è nei livelli di prova a tempo, che sembrano più le sfide a tempo di Crash Bandicoot, in cui le ricompense sono gemme basate sul tempo ottenuto. I requisiti per ottenere l’oro sono diabolicamente difficili, mentre sbloccare questi livelli richiede anche uno scarabeo d’oro che appare solo dopo aver raccolto tutte le monete in un livello. Piuttosto che oggetti da collezione per il bene dei completisti, potremo apprezzare il modo in cui ciascuno si alimenta l’uno con l’altro.

Gli oggetti da collezione più impegnativi sono in realtà riservati ai cosmetici a cui si accede con un interruttore nascosto, e anche in questo caso potrebbero trovarsi fuori dai sentieri battuti. Fortunatamente, il nostro mentore, uno scarabeo più grande, di solito è appollaiato da qualche parte nel livello felice di lasciarci qualche suggerimento e conoscenza. Sebbene questi siano totalmente opzionali, sono spesso gratificanti per trovare e offrire una varietà e un colore tanto necessari al gioco.

Cercare oggetti da collezione fa sì che ogni livello duri più a lungo, anche se per fortuna non è un processo precario. Il gioco potrebbe avere un sistema di morte a colpo singolo, ma la buona notizia è che la maggior parte dei nostri oggetti da collezione rimarranno in banca. Le chiavi per aprire il portale di uscita devono essere ottenute di nuovo – anche se a volte un livello ha comunque solo una chiave – ma la frustrazione è ridotta dal non essere costretti a raccogliere tutto da zero.

CGCReviews: Glyph 3

Questo è il vantaggio di questa struttura non lineare perché se troveremo un livello particolarmente complicato probabilmente avremo risorse per aprire un altro livello o area nell’hub e cambiare strada. Ci vorranno molte ore per sbloccare, completare e raccogliere tutto, ma solo una frazione delle risorse sarà ancora in grado di tracciarci un percorso per raggiungere il finale.

Nel complesso, c’è un’atmosfera rilassata e meditativa in Glyph, senza dubbio in parte grazie alla sua colonna sonora rilassante, e questo è importante per impedire di infuriarci quando la difficoltà aumenta. Di tutti i pericoli introdotti gradualmente, probabilmente avremmo potuto fare a meno dei veri nemici per rovinare la nostra giornata: potrebbero non farci del male di per sé, ma rimbalzare o farci esplodere nella sabbia mortale è già abbastanza grave.


7

Voto CGC

Recensione Glyph

Glyph è un puzzle platform rilassante, ma anche impegnativo (e non sempre perfetto) che ci porterà via parecchie ore per essere completato al 100%.

Davide Fanelli

Davide Fanelli nasce nel 1996 e inzia a giocare già dalla tenera età di 2 anni con un GameBoy e Tetris. Alla vista della PlayStation cominciò a nascere la sua passione per i videogiochi che dura ancora tutt'oggi.

ARTICOLI CORRELATI

Back to top button
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: