RecensioniTOP

CGCReviews: Hell Architect

Ecco cosa ne pensiamo del nuovo titolo di Woodland Games.

Hell Architect

Hell Architect è un gioco 2D sviluppato da Woodland Games e pubblicato da Leonardo Interactive su PC (Steam) e ora disponibile.

Si tratta essenzialmente di un costruttore di città, ma all’inferno. Nel gioco, impersoneremo un nuovo dipendente che deve cercare di estrarre più lavoro possibile dai vari “peccatori” mentre costruisce. La prima cosa che si nota è lo stile artistico 2D di Hell Architect che è morbosamente adorabile. Riesce ad essere carino anche durante le torture più brutali.

Il principale punto di forza di Hell Architect, oltre al suo stile artistico, è il suo gameplay molto profondo. Per spiegarlo brevemente, ci sono tre parti principali del gameplay, vale a dire peccatori, materiali e costruzione.

CGCReviews: Hell Architect 1

I peccatori sono i piccoli lavoratori forniti al giocatore per svolgere i vari compiti nel nostro inferno personale. In ogni nuovo scenario o sandbox, inizieremo con circa quattro peccatori. Nuovi peccatori sono forniti a intervalli regolari. E a questi peccatori può essere ordinato di estrarre materiali, svolgere vari compiti come preparare cibo e acqua, lavorare sulla costruzione o essere torturati e uccisi per produrre alcuni materiali per l’architetto. Ogni peccatore ha alcuni attributi che lo rendono più adatto a qualche lavoro particolare. Ci sono persino Peccatori Leggendari che entrano con vantaggi extra e forniscono al giocatore bonus extra con cui lavorare.

Tutti quei peccatori andrebbero sprecati se non fosse per i materiali del gioco. I materiali di base sono metallo, terra e carbone, ottenuti dall’estrazione di base e utilizzati in ogni livello di costruzione. Ci sono materiali non comuni da estrarre come i cristalli verdi e blu che fondamentalmente aiutano nella ricerca di nuove strutture per creare un inferno più efficiente. E per non parlare dei materiali prodotti dai peccatori, cioè la sofferenza e l’essenza. La sofferenza si produce torturando i peccatori, mentre l’essenza si produce quando si tortura un lavoratore nella fossa più profonda dell’Inferno dove il tuo lavoratore è perso e non è più disponibile a servirti.

Costruire nuove strutture per migliorare vari trigger e produrre più materiali che a loro volta consentano al giocatore di costruire strutture migliori è il ciclo principale del gioco. All’inizio ci vengono consegnati i progetti di base, insieme alla conoscenza per produrre cibo, acqua e sofferenza, ma lentamente i ruoli delle varie strutture cambiano e si espandono. Alla fine della corsa, possono diventare molto creativi e divertenti.

CGCReviews: Hell Architect 2

Tutti i componenti del gameplay si combinano bene tra loro e si completano in modi unici. Ad esempio, alcune strutture nel gioco necessitano di essenza per aggiornarle o acquistarle. Per questo, dovremo estrarre completamente la risorsa dai peccatori, ma l’essenza è più prodotta dai peccatori che sono più sani di mente. Ciò significa che dovrebbero esserci strutture sufficienti per fornire al peccatore risorse adeguate pur facendolo lavorare abbastanza per estrarre le risorse di base.

Questo è solo un esempio molto semplice e qualcosa che si incontra nelle fasi relativamente iniziali del gioco. Hell Architect riesce ad avere molti altri scenari di gioco come questo man mano che va avanti. Tutti questi passaggi sono anche cosparsi di un morboso senso dell’umorismo in ciascuno di questi compiti che spesso fa sorridere. Ovviamente, è consigliato seguire il tutorial iniziale per evitare di perdersi qualche informazione importante e/o meccanica di gioco.

Ma il gameplay di base è solo un aspetto e il luogo in cui si svolge questo gameplay cambia anche il modo in cui ci si avvicina. Il gioco ha scenari e sandbox. Sandbox è solo il set di gioco di base con cui potremo giocare e costruire nel modo più efficiente possibile. Scenario è invece la modalità storia del gioco.

CGCReviews: Hell Architect 3

La storia segue il giocatore come un piccolo architetto dell’Inferno che lavora passo dopo passo mentre esegue i compiti che ci vengono raccontati in ciascuno di questi scenari. Ce ne sono sette in totale, dieci se si includono i tutorial. Ognuno di loro fa cadere il giocatore in una nuova parte dell’Inferno con solo gli strumenti di base che lasciano il giocatore a rimacinare per ottenere nuovamente gli aggiornamenti posseduti prima. Ciò, come è ben immaginabile, rallenta un po’ lo sviluppo della storia che viene spezzata dal dover ricominciare. Insieme a questo, ci sono alcuni personaggi che fanno parte della burocrazia dell’Inferno che supervisionano e lavorano con noi. Il doppiaggio in sé non è malvagio ma abbastanza discreto nella maggior parte dei casi, anche se potrebbero infastidire. Anche il folletto che dovrebbe essere il nostro aiutante può diventare il personaggio più fastidioso del gioco.

Ho riscontrato alcuni bug nella modalità storia in cui un obiettivo non viene mostrato come completato per un po’ anche dopo che è stato compiuto. Ma per la maggior parte, il gioco è stato fluido. Parlando della colonna sonora, beh… non è nulla di eccezionale.


7.5

Voto CGC

Recensione Hell Architect

Hell Architect è un gioco con un gameplay divertente e profondo, uno stile artistico morboso ma carino che è impantanato dalla sua storia, dai personaggi irritanti e dalla colonna sonora mediocre.

Davide Fanelli

Davide Fanelli nasce nel 1996 e inzia a giocare già dalla tenera età di 2 anni con un GameBoy e Tetris. Alla vista della PlayStation cominciò a nascere la sua passione per i videogiochi che dura ancora tutt'oggi.

ARTICOLI CORRELATI

Back to top button
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: