RecensioniTOP

CGCReviews – Monster Hunter Stories 2: Wings of Ruin

Il secondo capitolo si rivela un titolo davvero valido.

Monster Hunter Stories 2: Wings of Ruin

Spin-off della serie principale di Capcom, Monster Hunter Stories 2: Wings of Ruin è disponibile dal 9 Luglio su Switch e PC (Steam).

Il titolo, per chi non lo conoscesse, si concentra sulla storia e utilizza un sistema di combattimento a turni e meccaniche di allevamento dei mostri a differenza del classico cacciarli a cui siamo abituati. Sebbene si tratti di un sequel di Monster Hunter Stories per 3DS, non c’è alcun bisogno di aver giocato al primo gioco.

Si impersonerà un/una principiante “Rider”, nipote di un grande eroe di nome Red. Partendo per indagare su una strana luce rossa che sta facendo impazzire i mostri, ci ritroveremo presto affidato un uovo di Rathalos e a svelare i misteri di un’antica profezia insieme al nostro compagno Felyne comico Navirou. Per fare ciò, combatteremo mostri enormi, razzieremo le loro tane per le uova per poi allevarli e renderli sempre più forti.

Ai più attenti, alcune meccaniche o scelte sembreranno prese direttamente dalla serie Pokémon, infatti potremo avere una squadra di un massimo di sei Monsties (nome utilizzato dai Rider per i mostri addomesticati) che potremo cambiare a seconda di come sta andando una battaglia. Solo uno alla volta potrà combattere, quindi sarà necessario il cambio in varie occasioni e situazioni. I combattimenti, nella loro forma più elementare, si basano su una meccanica sasso-carta-forbici in cui velocità batte potenza, potenza batte tecnica e velocità batte tecnica, ma non mancano, come da Monster Hunter, la scelta del tipo di arma, uso di oggetti ed elementi.

CGCReviews - Monster Hunter Stories 2: Wings of Ruin 1

Fortunatamente, il combattimento a turni dà un sacco di tempo per considerare le opzioni a nostra scelta. Proprio per questo motivo, non avendo la “pressa” continua dei classici Monster Hunter potremo studiarci a dover pattern, attacchi, strategie, ecc… di ogni mostro del gioco con tutta la calma possibile per poi riuscire a sconfiggerli in men che non si dica.

Parlando delle tane di mostro, c’è un elemento di casualità quando si raccolgono le uova poiché ogni nido può ospitare diversi tipi. Il tipo di uovo (colore e forma delle macchie) indicherà che tipo di mostro ci sia all’interno, ma otterremo anche suggerimenti per la qualità delle sue statistiche in base al peso e all’odore. Sono presenti anche delle tane rare (di colore oro) che ci faranno sempre trovare un uovo con statistiche migliorate.

Conviene sempre prenderne il più possibile, poiché potremo unire i loro geni l’uno nell’altro per creare Monsties ancora più potenti. Ovviamente sono presenti statistiche e bonus perfetti a cui mirare con ogni Monstie e una composizione di squadra perfetta, ma è pur sempre possibile mettere un po’ a casaccio le abilità migliori su un paio di Monsties e riusciremo comunque a proseguire senza intoppi.

CGCReviews - Monster Hunter Stories 2: Wings of Ruin 2

Lee aree del gioco sono relativamente piccole, ma dobbiamo tenere in conto anche i limiti di Nintendo Switch, ma non per questo sono banali o brutte da esplorare. Alcuni Monstie hanno anche un’abilità che ci aiuterà ad esplorare la natura selvaggia. Alcuni possono saltare attraverso burroni, mentre altri possono nuotare attraverso ruscelli o arrampicarsi sui rampicanti per raggiungere tesori segreti. Sarà necessario mantenere una squadra variegata non solo per i combattimenti, ma anche per l’esplorazione e raccolta materiali. Come Monster Hunter ci ha insegnato, dovremo raccogliere parti di mostri per forgiare nuove armi e set di armature. Potremo inoltre creare dei set per ogni occasione per affrontare al meglio ogni pericolo.

A differenza della serie principale, il multigiocatore qui è solo un extra. Potremo unirci a un’altra persona in modalità cooperativa per intraprendere missioni esplorative alla ricerca di uova e materiali rari, o cimentarci in una modalità versus per affrontare altri Rider. Mancano le meccaniche di cottura del gioco principale, mentre i buff pre-caccia vengono applicati tramite delle preghiere.

Monster Hunter Stories 2: Wings of Ruin può sembrare carino e banale, ma conserva perfettamente l’enorme quantità di profondità per cui la serie è nota. Può essere sicuramente un ottimo punto di inizio più leggero per chi volesse avvicinarsi alla serie di Monster Hunter.


8.5

Voto CGC

Recensione Monster Hunter Stories 2: Wings of Ruin

Monster Hunter Stories 2: Wings of Ruin è un titolo estremamente valido, complesso al punto giusto e davvero divertente da giocare dall’inizio alla fine, ma non privo di piccoli difetti.

Davide Fanelli

Davide Fanelli nasce nel 1996 e inzia a giocare già dalla tenera età di 2 anni con un GameBoy e Tetris. Alla vista della PlayStation cominciò a nascere la sua passione per i videogiochi che dura ancora tutt'oggi.

ARTICOLI CORRELATI

Back to top button
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: