RecensioniTOP

CGCReviews: Seed of Life

Quanto è valido come gioco?

Seed of Life

Seed of Life, il nuovo titolo di Madlight del genere puzzle e azione/avventura, è ora disponibile su PC (Steam), ma è valido?

Seed of Life è fondamentalmente un gioco d’avventura con elementi di raccolta, esplorazione e platform tutti riuniti in uno. Fa alcune cose interessanti e fa anche alcune cose che probabilmente non avrebbe dovuto fare. Avrei voluto completarlo per offrirvi una recensione completa, ma sono rimasto bloccato a causa di alcuni segnali sorprendentemente pessimi, quindi potrebbe risultare incompleta per questo motivo. Il gioco ha alcuni aspetti positivi notevoli e alcuni bassi difficili da raggiungere, ma la domanda rimane: ne vale la pena giocare a Seed of Life?

Seed of Life parla di una giovane donna di nome Cora che vive in un mondo con un sole morente. Alcuni alieni chiamati Namuriani hanno prosciugato la sua energia ed ora la Terra è avvolta nell’oscurità. Il nonno di Cora menziona i semi che possono ripristinare il sole, quindi Cora parte a sua volta, solo per incontrare un alieno che vuole aiutarla a salvare il sole. Sono presenti un bel po’ di dialoghi ed è tutto completamente doppiato e sottotitolato anche in italiano. Sfortunatamente, non solo i dialoghi sono decisamente pessimi, ma la recitazione vocale è tra le peggiori che avessi mai potuto sentire.

CGCReviews: Seed of Life 1

La doppiatorice di Cora pronuncia le sue battute come se non avesse mai sentito qualcuno parlare normalmente. Ha anche la tendenza a recitarli tutti allo stesso modo, indipendentemente dal fatto che Cora stia riflettendo sulla realtà di quanto sia calda la lava o affermando casualmente cose di cui è stata sicuramente ben consapevole per un po’ di tempo. Anche gli altri doppiatori sono di bassissimo livello, ma fortunatamente non li sentiremo così spesso. Il gioco è tranquillamente giocabile con l’audio dei dialoghi completamente spento.

Il gameplay in Seed of Life però è decisamente meglio, rimanendo sempre con i piedi più che a terra. Cora ha barre di salute e magiche. All’inizio, uscire in alcune aree prosciugherà la sua salute, ma otterremo abilità che aiuteranno con la sopravvivenza. Ci sono generatori di scudi dappertutto e potremo prendere le loro fonti di energia per metterle in piedistalli che concederanno nuove abilità. Tuttavia, dovremo risolvere ogni volta un enigma abbastanza insulso. Sebbene questi non siano mai difficili, sono inutili e totalmente privi di qualsiasi logica o ragione. C’è da specificare che alcuni dei poteri e il modo in cui funzionano sono accurati. Ad esempio, Cora può guarire se stessa, scattare, attirarsi sui magneti nel cielo e saltare attraverso gli abissi. Potremo anche aumentare costantemente la sua capacità magica trovando piante, inoltre la sua salute potrà essere migliorata su console specifiche sacrificando permanentemente 100 magie. Ovviamente, il gioco non te lo dice in anticipo e questo è uno dei motivi per cui ci si potrebbe bloccare.

CGCReviews: Seed of Life 2

Seed of Life sembra davvero dannatamente buono, specialmente se si considera che è stato creato da solo due persone. Praticamente ogni aspetto della grafica è ben al di sopra degli standard stabiliti dalla maggior parte dei giochi con squadre così piccole. Ma lo stesso non si può dire per il level design. La segnaletica è spesso abbastanza diretta, ma può anche essere orribilmente povera. Ad esempio, Cora sa arrampicarsi sui rampicanti ma nessuno mai ve lo dirà. Inoltre, nonostante l’aspetto positivo del gioco, il display sulla schiena di Cora che mostra i numeri HP e MP sembra un segnaposto, che non smette mai di sembrare stridente.

Per quanto riguarda il suddetto problema di progressione, a un certo punto dovremo correre e saltare in cima a pilastri fatiscenti. A volte ci troveremo dei salti che Crash Bandicoot in confronto è permissivo. Mi è capitato di trovare un muro invisibile che era stato inavvertitamente posizionato sulla via dell’unico modo per progredire, ma fortunatamente è stato patchato poco prima della scrittura della recensione. Sta di fatto che, per il momento, è un no totale su quasi ogni aspetto fino a quando (sperando) venga aggiornato e migliorato.

Seed of Life è un titolo che, al suo stato attuale, è davvero pessimo su quasi ogni aspetto e l’unica speranza risiede in aggiornamenti futuri.

voto recensione seed of life

Davide Fanelli

Davide Fanelli nasce nel 1996 e inzia a giocare già dalla tenera età di 2 anni con un GameBoy e Tetris. Alla vista della PlayStation cominciò a nascere la sua passione per i videogiochi che dura ancora tutt'oggi.

ARTICOLI CORRELATI

Back to top button
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: