RecensioniTOP

CGCReviews: The Protagonist Ex-1

Ecco cosa ne pensiamo del nuovo titolo di 3Mind Games.

The Protagonist Ex-1

The Protagonist Ex-1, il nuovo titolo sci-fi strategico a turni di 3Mind Games è ora disponibile su PS4, Xbox One, PC (Steam) e Switch.

The Protagonist Ex-1 prova a portare nuove idee all’interno del genere, ma alla fine è frenato da alcuni degli aspetti tecnici più irritanti.

L’anno è il 2113E sul pianeta Terra, dove il controllo militaristico totalitario regna a titolo definitivo. Il “Consiglio” mantiene la pace nel mondo attraverso regole nascoste, poiché l’identità di ciascun membro rimane nascosta in modo che tutte le persone si tratteranno l’un l’altro correttamente con il presupposto che chiunque possa essere un membro dello stesso. Con la loro formazione, Terra è stata in grado di prosperare per un po’ di tempo sotto questa unica autorità unitaria. Nessun crimine, nessuna carenza di cibo, nessun problema abitativo: Terra è una vera utopia. Tuttavia, una chiave di volta viene gettata nell’opera quando una razza aliena sintetica appare per l’invasione.

Ora, dopo un disastroso punto di primo contatto, Terra si trova in conflitto con quello che hanno soprannominato il “KL-T”. Il Consiglio ha invocato un semplice ordine esecutivo per la sua gente: Ex-1 – sterminare il KL-T a tutti i costi.

L’unità militare d’élite conosciuta come 5th Division ha il compito di questo più vitale degli ordini. Ci uniamo ad Angel, un membro di questa unità in partenza per una missione Ex-1. All’inizio del gioco, tuttavia, questa missione non è andata a buon fine poiché, invece, Angel si ritrova sveglia in una struttura KL-T sconosciuta, con pochi ricordi di quello che le è successo, come ci sia arrivata li, o anche chi siano i membri della sua unità.

CGCReviews: The Protagonist Ex-1 1

Il nostro compito è quello di guidare Angel attraverso l’ambiente alieno, ritrovando la sua unità e i suoi ricordi lungo la strada e trovando infine un modo per fuggire o completare l’ordine Ex-1 dall’interno.

L’impostazione della storia è buona e si mostra di avere un buon gancio per alcune domande e misteri a venire. Mentre l’obiettivo è a tutti i costi contro il KL-T, la progressione nella storia inizia a scoprire che forse le cose potrebbero non essere tutte come sembrano. Ciò che i KL-T stanno facendo è misterioso, ma indica che potrebbe essere un aiuto per Terra piuttosto che un attacco diretto in generale.

Naturalmente, per noi come “protagonista” se scegliamo di andare contro la nostra programmazione e ascoltare la corsa aliena o attaccare senza dubbio dipende interamente da noi. The Protagonist Ex-1 consente alcune decisioni e dilemmi morali lungo il viaggio. Sceglieremo di abbandonare una cella chiusa a chiave di detenuti rapiti o tutti meritano la possibilità di mettersi alla prova? Prenderemo del tempo per la missione per aiutare coloro che potrebbero averne bisogno, o l’ordine EX-1 è tutto ciò che conta? Il modo in cui giocheremo indicherà chi si unirà alla nostra squadra di gioco e come i personaggi potrebbero iniziare a interagire e a sentirsi l’uno con l’altro.

Lo stile di gioco di The Protagonist Ex-1 può essere meglio descritto come un XCOM-lite. Durante le fasi di “esplorazione” ci si muove in ​​modo isometrico dall’alto, guidando la squadra attraverso un corridoio dopo l’altro facendo clic o puntando il mouse. Questo controllo in sé è un po’ strano a volte e può essere frustrante per non dire altro. Spesso, quando tieni premuto il mouse per far muovere la tua squadra in una direzione, potresti passare accidentalmente con il mouse sopra una stanza adiacente. Questo ha lo sfortunato risultato di far girare la tua squadra per un po’, dal momento che tecnicamente il loro ordine è di andare in quella stanza, e quindi lavorano per cercare di trovare un percorso per raggiungerla. Con la telecamera dall’alto e gli angoli ristretti questo accade molto più di quanto probabilmente dovrebbe.

CGCReviews: The Protagonist Ex-1 2

Durante l’esplorazione trascorreremo la maggior parte del tempo ad hackerare le console di controllo per aprire porte o percorsi. Per ogni console c’è un’animazione di hacking di 1-2 secondi che inizia a stufare dopo un po’. Sembra un tocco inutile per questo processo da riprodurre ogni volta, dal momento che ci sono semplicemente troppe di queste dannate console. Rallenta immensamente le cose e alla fine diventa un po’ stancante.

A parte queste lamentele tecniche, le fasi di esplorazione possono essere piuttosto divertenti. Dove non fosse per questi problemi, gli enigmi di questo labirinto di corridoi alieni sarebbero molto più interessanti. Ci sono un sacco di piccoli enigmi pensati per aprire le porte corrette o spostare le piattaforme per far muovere la squadra nell’area successiva. Ci sono spesso molte piccole aree secondarie da esplorare per ulteriori bottini o anche lore del mondo o missioni secondarie. Il protagonista ci premia sempre per esserci allontanati dal percorso principale e aver impiegato un po’ di tempo per trovare la strada in una stanza isolata.

Le stanze diventano anche più elaborate con la progressione, anche se l’ambiente piuttosto blando e vuoto nel complesso stanca facilmente.

L’altra fase inframmezzata durante l’esplorazione sono le zone di combattimento. Quando entriamo in una stanza con i nemici partirà un combattimento, in cui il gameplay assume un aspetto tattico a turni. In tipico stile XCOM, ogni personaggio ha punti azione che gli consentono di muoversi e intraprendere azioni di attacco o difensive ad ogni turno. Il punto in cui The Protagonist Ex-1 diverge, tuttavia, è che l’ordine di turno non è un sistema binario “il tuo turno, turno nemico”. L’ordine dei turni funziona invece un po’ alla Dungeons and Dragons. Ogni personaggio ha un livello di iniziativa che determina l’ordine di combattimento. Anche durante il nostro turno potremo scegliere di rimandare a un punto successivo se non ci sono opzioni praticabili in quel momento. Questo ha l’intenzione di consentire un pensiero tattico più strategico, ma il più delle volte lo useremo solo perché il nostro personaggio non può raggiungere un nemico e l’unica soluzione e pazientare il loro avvicinamento.

CGCReviews: The Protagonist Ex-1 3

Il movimento dei personaggi è spesso molto limitato: per alcuni si parla di a malapena poche caselle alla volta. Questo può essere migliorato con il livellamento, ovviamente, ma è comunque un po’ fastidioso quando un nemico è dall’altra parte della stanza e devi passare 3-5 turni semplicemente per raggiungerlo. Con questo i combattimenti a volte possono sembrare piuttosto lenti. Potremo passare più tempo a inseguire un nemico in una stanza che a combatterlo davvero. Sembra anche che una tattica di alcuni nemici si allontani sempre più attivamente da te, creando una situazione di stallo tra gatto e topo piuttosto aggravante.

È un peccato che sia così perché quando il combattimento procede correttamente, il protagonista ha alcune idee piuttosto carine da mostrare. The Protagonist Ex-1 ha un sistema di combattimento corpo a corpo unico a cui deve appoggiarsi molto di più. A parte i normali attacchi con pistola e oggetti da lancio, se ci avviciniamo abbastanza potremo invocare M.A.C.S per poi entrare in un sistema di mischia rallentato non troppo dissimile dal SPAV di Fallout. Con M.A.C.S potremo scegliere come imporre colpi devastanti al nemico, mentre scegliamo la sequenza dei vari attacchi corpo a corpo e come si concateneranno. Scegliendo tra 4 tipi di attacco (es. pugno, calcio, gomito, ginocchio) allineeremo il nostro ordine di attacchi, decidendo anche se farne uno veloce, pesante o moderato. Il collegamento di particolari attacchi in sequenza consentirà di ottenere risultati migliori, quindi si tratta solo di elaborare le migliori combinazioni. È come conoscere le combo per un gioco di combattimento, solo che ora le si sceglie in anticipo.


6

Voto CGC

Recensione The Protagonist Ex-1

The Protagonist Ex-1 è un titolo grezzo con delle potenzialità non sfruttate a dovere che, col tempo, può sicuramente migliorare se gli sviluppatori vorranno dedicarci del tempo.

Davide Fanelli

Davide Fanelli nasce nel 1996 e inzia a giocare già dalla tenera età di 2 anni con un GameBoy e Tetris. Alla vista della PlayStation cominciò a nascere la sua passione per i videogiochi che dura ancora tutt'oggi.

ARTICOLI CORRELATI

Back to top button
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: