Epic Games aggressiva sulle esclusive: piano per dominare il mercato PC?
Sembra che Epic Games stia facendo di tutto per poter essere il numero uno nel mercato PC.

Logo Epic Games Store

Epic Games sembra essere coinvolta in una sorta di polemica ogni settimana. Ci sono state critiche sulle funzionalità di base del negozio, come la mancanza di un carrello della spesa, storie di utenti bloccati per troppi acquisti in una volta, preoccupazioni su dati e sicurezza, e poi, c’è il fatto di come spesso tiri via i giochi da Steam all’ultimo momento.

Le più grandi lamentele, riguardano l’aggressione con cui Epic sta perseguendo accordi di esclusività. Ma forse, una delle mosse più controverse, è il modo in cui la compagnia sta frugando i giochi crowdfunding che in origine avevano promesso chiavi Steam o GOG ai sostenitori di Kickstarter. Sia Phoenix Point che The Outer Wilds erano garantiti come esclusivi in ​​questo modo, ma forse è Shenmue 3 che ha visto la più grande effusione di critiche.

Lo sviluppatore Ys Net e l’editore Deep Silver rifiutarono i rimborsi ai sostenitori di Shenmue 3 che si sentirono presi in giro dall’affare esclusivo, ma fu Tim Sweeney di Epic a dire che la sua compagnia avrebbe pagato il conto per i rimborsi. I critici delle pratiche di Epic hanno avvertito dell’effetto a catena che questo avrà sul crowdfunding in futuro – molte persone potrebbero essere meno propense a sostenere i giochi se temono un “cambio di piattaforma” in seguito. Dicendo che tutti i futuri giochi crowdfunding esclusivi sarebbero garantiti per i rimborsi ai sostenitori di Epic. Sweeney ha segnalato che Epic non ha intenzione di fermare la ricerca di titoli crowdfunding per le offerte di esclusività.

È una mossa estremamente audace lanciare quel tipo di denaro in giro. Sembra che il danno potenziale alle piattaforme di crowdfunding non sia stato preso in considerazione o sia stato del tutto scontato. Ma questo atteggiamento casuale sembra essere uno schema. Durante la sua prima vendita, l’Epic Games Store offriva €10 in più su tutti gli acquisti di €14,99 e oltre, ma senza gli input degli sviluppatori, con una forte riduzione di molti giochi, inclusi molti titoli indie usciti solo di recente o disponibili solo per il pre-ordine.

Questa mossa ha irritato alcuni sviluppatori e ha portato a un certo numero di giochi che hanno il loro prezzo aumentato per compensare, ridotto per non essere idoneo per lo sconto, o essere tirato interamente dal negozio. Molti ritengono che questa mossa vincolerebbe la redditività di quei titoli a lungo termine, essendo stati scontati così pesantemente. Esistono siti e plug-in di Chrome esistenti per tracciare il prezzo più basso dei giochi e l’acquirente esperto attenderà spesso che venga abbinato o battuto.

Allora, perché Epic è così aggressiva, anche dopo aver preso in considerazione le potenziali conseguenze per gli sviluppatori e le piattaforme di crowdfunding? Perché l’attenzione è concentrata sulla sicurezza dei giochi invece di creare un servizio migliore di Steam? 

Molto semplicemente, Epic sta cercando di inglobare Steam e tutto il mercato PC.

Le persone hanno chiesto a gran voce a Steam di avere un vero concorrente da un po’ di tempo. L’ideale platonico era che qualcuno potesse costruire un servizio migliore, ma il modo in cui funziona il capitalismo, facendo soldi veri spesso significa impedire a qualcun altro di trarre profitto piuttosto che fornire un servizio migliore.

Prendiamo in considerazione Rocket League. Qualche mese fa è stato annunciato che lo sviluppatore Psyonix è stato acquistato da Epic Games. Il gioco di calcio per auto arriverà sull’Epic Store a un certo punto verso la fine del 2019, suggerendo fortemente che dopo questo, il gioco non sarebbe più disponibile per l’acquisto su Steam. Rocket League era molto venduto su Steam, quindi, l’acquisto sembra essere direttamente rivolto ai profitti di Steam. Queste offerte di esclusività? È così che i concorrenti di Epic non ottengono una fetta della torta. Allo stesso modo, come The Walking Dead di Telltale arriva nel negozio Epic, è stato annunciato che tutti i giochi di Telltale sarebbero stati rimossi dalla vendita su GOG.com. Questo ha tutte le caratteristiche di un business dirompente.

Ci sono molti motivi per non essere d’accordo con le pratiche di Epic: non solo stiamo vedendo un duro colpo per i giochi privi di DRM, lo stiamo vedendo anche con i giochi Linux, dato che Phoenix Point ha abbandonato il supporto Linux dopo essere stato protetto in esclusiva. Forse preferisci che la tua biblioteca sia consolidata in un unico posto, invece che separata tra diversi diversi lanciatori, o forse giochi con l’hardware di Valve come Steam Controller o Link. Ma forse, il problema più grande è che, data questa traiettoria, è facile speculare su cosa Epic intende fare a lungo termine per far uscire la concorrenza dal business, proteggendo le esclusive come leader in perdita e poi raccogliere i frutti. Questo, in definitiva, sembra essere il motivo per cui Epic lancia così il denaro in modo cavalleresco.

Nulla di ciò va preso come difesa o approvazione di Steam, perché Valve è negligente in molte aree. Dall’apportare modifiche ai suoi algoritmi che hanno visto alcuni titoli indie contrassegnati come “falsi” giochi e sviluppatori che vedevano la loro reperibilità affondata, al recente evento di vendita di Steam che ha visto persone rimuovere i giochi dalla loro lista dei desideri al fine di massimizzare il potenziale di vincere un preferito. Non sorprende che l’accordo di esclusività Epic e una divisione delle entrate più equa sia un po’ più allettante per gli sviluppatori più piccoli.

fonte

Alessandro Zingariello

Nato nel 1996, coltivo la mia passione fin dai 4 anni. Ho cominciato a giocare con mio padre a Space Invaders su Play Station e lì è nato il mio amore per i videogiochi.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: