Hidetaka Miyazaki: “Il mondo è come un deserto”
Le mente dietro Dark Souls, Bloodborne, Sekiro e il nuovo Elden Ring in arrivo ci parla un po' delle sue idee.

Hidetaka Miyazaki

Hidetaka Miyazaki è fissato con mondi molto oscuri. Il suo lavoro più conosciuto è sicuramente Dark Souls e, il suo prossimo progetto Elden Ring, non sarà da meno.

Personalmente, un mondo che è felice e luminoso è qualcosa che non sembra realistico per me,” dice Miyazaki in un’intervista con IGN. “Potrà sembrare che abbia un trauma o qualcosa, ma credo che il mondo sia generalmente un deserto che non è gentile nei nostri confronti. Questo è il mondo in cui la vedo.”

La luce è più bella nell’oscurità,” dice. “Quando c’è qualcosa di bello nel bel mezzo del nulla, siamo capaci di apprezzarlo di più. Un gioiello non sembra molto quando ne abbiamo una pila, ma se trovi un gioiello nel fango, il suo valore è più alto.”

Miyazaki ha parlato anche riguardo al ruolo di George R.R. Martin nello sviluppo di Elden Ring. Martin ha scritto i “miti globali” sui quali il mondo di Elden Ring si basa, ma non la storia del gioco stessa, perché Miyazaki non vuole mettere un freno alla libertà creativa di un autore.

La narrazione nei videogiochi (almeno per come la facciamo noi di From Software) arriva con un sacco di restrizioni per gli scrittori. Non credo proprio sarebbe stato una buona idea far scrivere Martin con queste restrizioni,” ha spiegato.

Avendoli fatto scrivere riguardo ad un momento di trama dove il giocatore non è collegato, è stato libero di esprimere la sua creatività nel modo che preferiva. Oltretutto, come From Software non volevamo creare un’esperienza lineare e una storia guidata per Elden Ring. Entrambi i problemi potevano essere risolti facendo scrivere a Martin la storia del mondo.”

I giocatori potranno scoprire di più sulla lore scritta da Martin attraverso l’esplorazione, anche se Elden Ring non sarà un gioco “pieno” di trama narrata. “Non c’è nessun personaggio fisso in Elden Ring,” dice Miyazaki. “Abbiamo voluto lasciare al giocare la decisione di caratteristiche e personalità del proprio personaggio creato.”

Elden Ring non ha ancora una data di rilascio, ma non vediamo l’ora di saperne qualcosa in più.

fonte

Davide Fanelli

Davide Fanelli nasce nel 1996 e inzia a giocare già dalla tenera età di 2 anni con un GameBoy e Tetris. Alla vista della Play Station cominciò a nascere la sua passione per i videogiochi che sarebbe durata tutta la vita.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: