OriginalsTOP

CGC Game Awards 2021: le migliori uscite videoludiche dell’anno

Quali sono state le migliori uscite del 2021 per noi?

CGC Game Awards 2021

Anche questo 2021 sta per concludersi e, come di consueto, è arrivato il momento dei nostri CGC Game Awards 2021, una Top 10 delle migliori uscite di questo anno passato.

Ricordiamo come sempre che la lista è totalmente personale e, se un titolo non è presente, non necessariamente lo consideriamo un brutto gioco. Per questo motivo, in questa “edizione” abbiamo deciso di inserire ulteriori dieci titoli con uscita nota durante il 2021 per citarne il più possibile.

Cominciamo subito, buona lettura!


10) Deathloop (Recensione)

Deathloop

Deathloop, pubblicato da Bethesda Softworks e sviluppato da Arkane Studios per PS5 e PC (Steam), è un titolo davvero particolare che merita sicuramente una posizione in questa classifica.

Un loop temporale, fallimenti su fallimenti e una luce alla fine del tunnel per uscirne sono la base di Deathloop. Ci faremo strada a colpi di piombo e aiutati dai nostri poteri in una formula che può ricordare un rogue-lite per le sue meccaniche di reset e mantenimento di progresso tra una partita e l’altra.

Vale la pena provarlo, sia che vogliate giocare online contro altri giocatori che solo contro l’IA.


9) Monster Hunter Stories 2: Wings of Ruin (Recensione)

Monster Hunter Stories 2: Wings of Ruin

Monster Hunter Stories 2: Wings of Ruin è il secondo capitolo della serie spin-off di Capcom disponibile su Switch e PC (Steam).

Si nota da subito un netto miglioramento dal capitolo precedente in esclusiva su Nintendo 3DS, non tanto per qualità grafica che ovviamente è superiore, ma proprio nella narrativa e nel gameplay. La trama, che ha dei momenti di alti e bassi, resta sempre comunque altamente sopra la sufficienza e combinata con un sistema di combattimento “sasso, carta, forbice” a turni e meccaniche di allevamento dei mostri, offrono un’esperienza validissima.

Trattandosi di un titolo nel quale il forte stampo di gioco di ruolo giapponese si fa sentire, non è sicuramente per tutti, ma sia i fan che non della serie Monster Hunter possono goderselo a pieno.


8) Pokémon Diamante Lucente e Pokémon Perla Splendente

pokemon diamante lucente e perla splendente

Pokémon Diamante Lucente e Perla Splendente sono i remake per Switch tanto attesi da parte di tutta la community Pokémon.

Nonostante le svariate critiche pre-rilascio, soprattutto per lo stile chibi dei personaggi nell’overworld, ILCA è riuscita a produrre un titolo godibile sia per i veterani che per i novizi della serie (e della quarta generazione), mantenendosi si pressoché invariato dagli originali per Nintendo DS, ma al tempo stesso decisamente evoluto in meccaniche rese più moderne e piacevoli.

Sono talmente fedeli, che hanno riportato anche il glitch del void[1]!


7) Resident Evil Village

Resident Evil Village

Resident Evil Village, titolo sviluppato e pubblicato da Capcom per PS5, PS4, Xbox Series, Xbox One, PC (Steam) e Stadia, è l’ultima iterazione della serie horror per eccellenza.

Questo capitolo si dimostra un’ottima evoluzione del titolo precedente nella serie, in grado di prendere tra gli aspetti migliori dei giochi più vecchi e integrarli in una formula in prima persona: il risultato è un gioco che raramente perde il ritmo, cosa lasciata in mano quasi sempre solo a noi giocatori.

Non privo di imperfezioni e difetti, resta un titolo nel quale la tensione, il combattimento e l’esplorazione sono mescolate a dovere offrendo un gameplay più che ottimo.


6) Monster Hunter Rise

Monster Hunter Rise

Monster Hunter Rise, altro titolo di Capcom, disponibile su Switch e in arrivo su PC (Steam) il 12 Gennaio 2022, è davvero un’evoluzione della serie.

Si nota fin dai primi momenti di gioco il passo evolutivo sia in termini di esplorazione delle mappe (ora open-map) che di gameplay. Ereditando alcune peculiarità da Monster Hunter World per farle sue, offre al momento la migliore esperienza della serie fino ad oggi.

Oltretutto, in Estate 2022 verrà rilasciata la prima grande espansione del gioco[1][2].


5) NieR Replicant ver.1.22474487139…

NieR Replicant ver.1.22474487139…

NieR Replicant ver.1.22474487139… è il remake di Square Enix sviluppato da Toylogic dell’originale NieR Replicant, disponibile su PS4, Xbox One e PC (Steam).

Il passo evolutivo dal titolo originario per PS3 è netto, andando a creare un’esperienza immensamente più piacevole. La trama piena di misteri e drammi riesce a far emozionare il giocatore sia nelle grandi che nelle piccole cose. E come non citare la colonna sonora vincitrice anche dei The Game Awards 2021.

Consigliato davvero a tutti, soprattutto ai fan di NieR Automata essendo questo un prequel e offrendo un background narrativo e del mondo non indifferente.


4) Halo Infinite

Halo Infinite

Halo Infinite, sviluppato da 343 Industries e pubblicato da Xbox Game Studios, è ora finalmente disponibile su Xbox Series, Xbox One e PC (Steam / Microsoft Store) anche gratuitamente per gli abbonati a Xbox Game Pass.

Nonostante non sia il miglior Halo nella serie, vogliamo promuovere la campagna principale di Halo Infinite pur ricca di problemi e priva di una co-op che gli avrebbe concesso svariati punti extra. Ma sappiamo tutti qual è il punto focale della serie di Microsoft: le sparatorie. L’ottimo gunplay di questo nuovo capitolo, ci fa sorvolare su tutte quelle sbavature della struttura open world e di passare sopra ai problemi dell’IA e a una ripetitività di fondo che ci accompagna per tutta la trama.

Halo Infinite brilla proprio in ciò a cui più gli serve, e questo ci basta per dedicarli una quarta posizione in questa lista.


3) Metroid Dread

Metroid Dread

Metroid Dread, sviluppato da MercurySteam è l’ultimo arrivato nella serie di Nintendo disponibile in esclusiva su Switch.

Non era facile creare un titolo coerente con il passato 2D della serie e soprattutto con il prequel Metroid Fusion. Ma Metroid Dread ci riesce perfettamente, brillando soprattutto nel ritmo di gioco e nel gameplay in generale alternando momenti di frenesia ad ansia costante. Ma ciò che colpisce di più è proprio la protagonista: Samus.

Speriamo davvero con tutto il cuore che anche nei prossimi capitoli si tenga uno standard così elevato, tanto da meritarsi decisamente uno scalino del podio.


2) It Takes Two

It takes two

It Takes Two, sviluppato da Hazelight Studios e pubblicato da Electronic Arts su PS5, PS4, Xbox Series, Xbox One e PC (Steam / Origin / Microsoft Store) è il vincitore dei The Game Awards 2021 come Game of the Year.

Un’esperienza cooperativa da giocare assolutamente con il proprio compagno/compagna o con un amico a noi vicino, ci offre un’avventura davvero unica ed emozionante dall’inizio alla fine. Non solo la trama è davvero spettacolare, ma anche il gameplay che varia di genere in genere ci dona sempre quel pizzico in più che tiene sempre elevata l’attenzione e il divertimento nel giocatore.

Insomma, Game of the Year più che meritato per un titolo che ha davvero qualcosa in più rispetto a tante altre uscite in questo passato 2021.


1) Tales of Arise (Recensione)

Tales of Arise

Ma il primo posto di questa nostra classifica se lo aggiudica Tales of Arise, titolo di Bandai Namco disponibile su PS5, PS4, Xbox Series, Xbox One e PC (Steam).

Citando la nostra recensione, questo capitolo è un ottimo modo di Bandai Namco di svecchiare una serie sempre stata costretta in dei confini ben definiti, offrendo l’esperienza migliore possibile. Una trama ricca di colpi di scena e davvero emozionante, un gameplay divertente e pieno d’azione e un’esplorazione del mondo più che valida, creano un perfetto equilibrio per un’avventura che merita davvero.

Tales of Arise è sicuramente uno dei migliori titoli di questo anno e, per questo, si merita il primo posto nei nostri CGC Game Awards 2021.


Altre uscite note del 2021

Come scritto all’inizio dell’articolo, per questi CGC Game Awards 2021 abbiamo deciso di inserire altri dieci titoli che meritano una nota di merito e che per un motivo o per un altro non ce l’hanno fatta nella nostra lista. Ci teniamo a precisare che, in questo caso, l’ordine non ha alcuna importanza in questa lista.

Ma ora bando alle ciance, ecco altri dieci titoli che meritano di essere giocati:

  • Ratchet & Clank: Rift Apart
  • Scarlet Nexus
  • Life is Strange: True Colors
  • Kena: Bridge of Spirits
  • Far Cry 6
  • Forza Horizon 5
  • Shin Megami Tensei 5
  • Battlefield 2042 (Recensione)
  • Returnal
  • F1 2021 (Recensione)

Ritorno all’infanzia

Monster Rancher 1 & 2 DX

Altra novità di questa edizione, la categoria “Ritorno all’infanzia” che presenterà un titolo ripubblicato durante l’anno trascorso e che proviene dritto dal passato.

Uno dei ritorni meno aspettati ma più benvoluti da parte del pubblico è stato sicuramente Monster Rancher 1 & 2 DX, titolo di Koei Tecmo disponibile su Switch, PC (Steam) e iOS (App Store).

Si tratta di un simulatore di allevamento mostri basato sulla omonima serie animata (n.d.r. Monster Farm in originale) resa famosa per via di una meccanica che, ai tempi della PS1, era completamente fuori di testa. Era possibile accedere ad un santuario nel quale evocare un mostro casuale utilizzando altri dischi sia di videogiochi che musicali. Questa meccanica è stata riproposta tramite un database online che funge nella medesima maniera, tranne per il cambio fisico del disco nella console.

Il porting non è tra i migliori mai visti, essendo anzi molto pigro, ma ripropone quella stessa esperienza con alcune migliorie che ancora oggi lo rendono un gioco divertente, impegnativo e valido.


Gioco più atteso del 2022

Elden Ring

E per concludere questo appuntamento dei CGC Game Awards 2021, sappiamo tutti già bene qual è il titolo più atteso del 2022.

Stiamo parlando ovviamente di Elden Ring, il prossimo titolo di FromSoftware (in collaborazione con George R.R. Martin) pubblicato da Bandai Namco in uscita il 25 Febbraio 2022 su PS5, PS4, Xbox Series, Xbox One e PC (Steam).

Già da ciò che si è potuto tastare sia tramite gli hands-off che tramite il Closed Network Test, si propone non solo come un sequel spirituale della serie dei SoulsBorne (e perché no, anche Sekiro per alcune meccaniche), ma offre un’esperienza davvero diversa per la serie tramite un mondo open-world e meccaniche di esplorazione e gameplay nuove per FromSoftware.

Ovviamente, anche noi non vediamo l’ora di metterci le mani sopra, ormai non manca molto all’uscita!

Davide Fanelli

Davide Fanelli nasce nel 1996 e inzia a giocare già dalla tenera età di 2 anni con un GameBoy e Tetris. Alla vista della PlayStation cominciò a nascere la sua passione per i videogiochi che dura ancora tutt'oggi.

ARTICOLI CORRELATI

Back to top button
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: