RecensioniTOP

CGCReviews: Slime Rancher 2

Ora disponibile in accesso anticipato.

Slime Rancher 2

Slime Rancher 2, il sequel del titolo di Monomi Park, è ora disponibile in Accesso Anticipato su Xbox Series e PC (Steam / EGS).

In Slime Rancher 2, assumeremo ancora una volta il ruolo di Beatrix LeBeau, protagonista del primo gioco. Un giorno, mentre si sta prendendo una pausa al molo, una nave misteriosa con nient’altro che una lettera all’interno le si avvicina, invitandola a esplorare una nuova regione conosciuta come Rainbow Island, dove è ambientato questo capitolo. Qui inizierà la nostra avventura, permettendoci di esplorare la nostra nuova casa, l’Osservatorio. A differenza del predecessore, questa volta ci ritroveremo in uno spazio chiuso come base operativa. Migliore esteticamente, ma con le stesse funzionalità.

La stessa Rainbow Island, tuttavia, è molto più grande della mappa del primo gioco, ma anche più densa. Ogni luogo ha più percorsi diversi in cui vagare e saremo sempre ricompensati con una nuova vista o un puzzle da risolvere. Questo può arrivare a creare un po’ di confusione all’inizio, con la possibilità di perdersi durante l’esplorazione, rispetto alla linearità del primo capitolo.

CGCReviews: Slime Rancher 2 1

Il titolo ha anche una discreta trama da seguire, con molti misteri da svelare; ad ogni domanda ci sarà una risposta pronta, ma solo a tempo debito e mai in modo estremamente diretto. Le informazioni ci vengono fornite tramite registri disseminati sull’isola e videochiamate con più NPC. È già molto intrigante e divertente, e ricordiamo che sarà espansa con aggiornamenti futuri, venendo resa più longeva e, soprattutto, più completa.

Parlando del gameplay, tutto dipenderà dal rapporto che si è avuto con il predecessore (se lo si è giocato). Se catturare gli slime, dar loro da mangiare per poi vendere i loro Plort per fare soldi vi è piaciuto, allora adorerete assolutamente Slime Rancher 2. Ma se avete provato da subito noia, purtroppo questo gioco rimane un po’ un “more of the same” e potrebbe riproporre le stesse sensazioni spiacevoli. Questo sequel fa ben poco per cambiare la formula già stabilita, ma è proprio ciò che i fan desideravano. È più o meno lo stesso titolo, ma con maggiore varietà, una mappa più moderna e alcuni miglioramenti di base di qualità della vita. Ma se non avete mai giocato e non conoscete la serie, allora cominciare con il secondo capitolo potrebbe essere una scelta perfetta.

Nel mondo di Slime Rancher, abitiamo su un pianeta alieno noto come Far, Far Range. Questo mondo ospita una specie di creature conosciute come Slime, che sono esattamente quello per cui son nominati; piccole creature gelatinose di molte varietà diverse, ognuna con i propri aspetti, comportamenti e esigenze dietetiche uniche. Quando queste creature mangiano qualcosa, creano una risorsa nota come Plort, che può quindi essere venduta per denaro. Come allevatore, potremo catturare questi Slime con il nostro Vacpack e poi depositarli nei recinti all’Osservatorio. Una volta posizionati non potranno scappare (o quasi). Sarà importante dar loro da mangiare il tipo corretto di cibo di cui hanno bisogno regolarmente, per evitare che si arrabbino e cerchino di uscire dai loro recinti in modi un po’… bruschi.

CGCReviews: Slime Rancher 2 2

Eseguire tutto maniacalmente ci fornirà Plort, il che si traduce in denaro, fondamentale per acquistare nuove strutture, aggiornamenti per l’attrezzatura e persino aree aggiuntive per espandere il ranch. Questa è l’essenza di base di tutto. Slime Rancher 2 ha una profondità maggiore e sono stati aggiunti una manciata di nuovi Slime, cibi e altre risorse varie. Tutto inizia in modo manuale, per poi aggiornare i recinti con una serie di miglioramenti, come muri alti che impediscono ai nostri Slime di fuoriuscire dai loro recinti, alimentatori automatici che erogano cibo a intervalli regolari e persino collettori di Plort. Insomma, potremo automatizzare quasi ogni aspetto.

Inoltre, gli Slime sono anche divisi in tre sotto-categorie a seconda del tipo di cibo di cui hanno bisogno. Alcuni mangiano solo frutta, altri consumano solo verdure e il terzo gruppo mangia solo polli. L’unica vera eccezione a questa regola è lo slime rosa standard e il Ring Tail, a cui vanno bene tutti e tre i tipi di cibo. Ogni creatura nel gioco ha un cibo preferito. Se glie lo daremo, produrranno due Plort invece di uno. E per evitare di doverci allontanare dal nostro ranch ogni volta che finiremo il cibo, potremo produrlo proprio lì all’Osservatorio.

Per diversificare i tipi di Plort che staremo producendo nel nostro ranch in qualsiasi momento, potremo scegliere di avere molti recinti con slime puri o avere invece degli ibridi. Queste sono variazioni più grandi che possono essere create nutrendo una creatura con il Plort di un altro tipo. In questo modo, il ricevente assume parte dell’aspetto e dei comportamenti del donatore e, di conseguenza, produce anche due diversi tipi di Plort. L’unico aspetto negativo di ciò è che questi occupano molto più spazio rispetto alle loro controparti più pure e potremo tenerne un numero molto inferiore all’interno di un recinto. Sarà importante diversificare spesso il Plort venduto, altrimenti rischieremo di inflazionare il mercato facendoli perdere sempre di più il valore.

CGCReviews: Slime Rancher 2 3

Rainbow Island è anche disseminata di diversi tipi di risorse come minerali, oli e gemme. Questi possono anche essere raccolti tramite il Vacpack dopo che è stato apportato un certo aggiornamento all’oggetto, che a sua volta ci consentirà di riporli all’interno della raffineria. Questi minerali, insieme ai Plort, verranno poi convertiti in soldi per potenziare la nostra Beatrix. Questi upgrade includono una maggiore salute e resistenza, la capacità di raccogliere acqua, eseguire un’onda d’urto e persino utilizzare un jetpack per raggiungere aree difficili da raggiungere sull’isola. Tutti questi servono allo scopo di permetterci di resistere ai pericoli del luogo in modo più competente ed essere abbastanza forti da tornare vivi dalle nostre spedizioni. Pur essendo un gioco molto casual, può essere facile essere soggiogati da diversi Slime aggressivi che potrebbero farci la festa.

L’isola ospita anche innumerevoli oggetti da collezione nascosti, dalle decorazioni per il ranch, note lasciate da altri allevatori e molti diversi passaggi nascosti e scorciatoie. È incredibilmente soddisfacente avventurarsi nel mondo e tornare con materiali rari, slime e prodotti alimentari. Esplorare fuori dai sentieri battuti ci porterà occasionalmente anche faccia a faccia con i Gordo Slime, che sono gigantesche creature stazionarie che si formano quando molti Slime regolari di un unico tipo si riuniscono tutti e si fondono insieme. Dar loro cibo a sufficienza li farà esplodere, dividendoli di nuovo nelle loro forme originali. Spesso bloccheranno l’accesso anche ad oggetti e percorsi.

Fin dall’inizio, Slime Rancher 2 risulta un gioco molto più carino del suo predecessore, non solo graficamente. Tutto è stato rivisto e migliorato. Anche le diverse aree della mappa sono ora molto più aperte, con diverse aree laterali e ingressi nascosti. Ovviamente, al momento si verificano alcuni piccoli glitch grafici non invalidanti. Le prestazioni generali sono ottime, ma non perfette, così come per bug disparsi qua e la. Nulla, comunque, che non possa essere risolto e/o migliorato successivamente.


8.2

Voto CGC

Recensione Slime Rancher 2

Slime Rancher 2 rimane un po’ un more of the same al momento, ma comunque decisamente migliorato nel gameplay e nel comparto grafico, offrendo un’esperienza ancora più valida del suo predecessore.

*Recensione eseguita tramite chiave PC fornita dal Publisher

Segnala un Errore

Alessandro Zingariello

Nato nel 1996, coltivo la mia passione fin dai 4 anni. Ho cominciato a giocare con mio padre a Space Invaders su PlayStation e lì è nato il mio amore per i videogiochi.

ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Back to top button